Sanificazione dell'auto: come farla e cosa bisogna sapere

Sanificazione dell'auto: come farla e cosa bisogna sapere

I motori si riaccendono, le saracinesche dei box si rialzano, le auto - rimaste ferme (o quasi) nel parcheggio sotto casa - ripartono.

Senza esagerare, ovvio: quando è possibile, è meglio usare mezzi di trasporto alternativi ed ecologici, soprattutto nei centri urbani. Comunque, con la fine della fase più dura dell'emergenza coronavirus, si può cominciare gradualmente a circolare sulle nostre vetture.

Però sarebbe una buona regola provvedere alla sanificazione dell’automobile, perché il consueto lavaggio non è sufficiente neppure in tempi normali, oggigiorno a maggior ragione.

Vediamo che cosa bisogna fare (anche se per ora non ci sono sistemi certificati ufficialmente dallo Stato).

Fai da te

Chi vuole provvedere da solo, deve procurarsi guanti monouso, detergente, disinfettante a base di alcol o cloro, carta da cucina (assorbente), mascherina. Dopo aver lavato l’auto normalmente, occorre disinfettare l’interno della vettura e parte dell'esterno, prestando attenzione soprattutto a ciò con cui entriamo in contatto: per esempio, freno a mano, cruscotto, sistemi audio e informatici (come il navigatore) con relativi pulsanti, cambio, volante, sedili, maniglie di apertura. Meglio controllare con più frequenza anche i filtri dell’aria.

Pulizia con ozono

Passiamo ai sistemi più sofisticati. Uno dei metodi è quello che fa ricorso all’ozono, usato anche per la disinfezione di case e alberghi. L'ozono è una delle forme che può assumere l’ossigeno (con molecola triatomica O3) ed è un gas instabile, quindi deve essere prodotto al momento della diffusione e del trattamento; se ne deduce che questo sistema viene usato solo da tecnici specializzati, dotati di appositi macchinari, anche perché irrita gli occhi e le mucose delle vie respiratorie (infatti, quando si diffonde nell’ambiente, è considerato una sostanza inquinante).

In compenso, abbatte oltre il 99,98% di virus, batteri, muffe e funghi: attacca i composti organici, ossidandoli, e penetra agevolmente e velocemente dentro superfici di ogni genere, tessuti, impianti di aerazione. C’è chi teme che l’ozono possa danneggiare o corrodere il materiale dell’auto. Quindi attenzione: affidatevi sempre a specialisti.

Vapore acqueo

Un altro sistema consiste nella sanificazione per mezzo del vapore acqueo: si può fare svolgere da un tecnico (è preferibile) oppure effettuare da soli, acquistando un apposito apparecchio. Se si sceglie un centro specializzato (come un buon autolavaggio), prima sarà immesso nella vettura il vapore con temperature sopra i 70 gradi (elimina la maggior parte dei microrganismi); poi l'auto verrà asciugata con una specie di grande phon. Occorre qualche ora, quindi è un sistema meno rapido di quello basato sull’ozono, che richiede qualche decina di minuti.

Costi

Quanto costa la sanificazione? La disinfezione con l’ozono o col vapore va di solito dai 15 ai 40 euro (fino a 100 nel caso delle aziende che rilasciano un certificato di sanificazione). Ovviamente dovrebbe essere svolta più o meno frequentemente a seconda dell'utilizzo della vettura: chi la usa da solo ne avrà meno necessità, chi la impiega per tutta la famiglia o per il trasporto di estranei (è il caso di taxi e car sharing) dovrebbe provvedere all’igienizzazione con maggiore assiduità.

Se stai cercando le migliori offerte assicurazioni auto, è sufficiente utilizzare il comparatore di Facile.it!

Offerte confrontate

Con il nostro comparatore di polizze auto trovi la migliore assicurazione on line e risparmi fino a 500€. Bastano 3 minuti!

Strumenti di calcolo

  • Assicurazioni auto

    Risparmia fino a 500€ scegliendo una nuova compagnia assicurativa.

  • Prestiti

    Richiedi un prestito fino di importo fino a 60.000€ per le tue spese personali.

  • Conti correnti

    Confronta i conti più convenienti del mercato e metti al sicuro i tuoi risparmi.

  • Adsl

    Confronta 11 operatori e risparmia fino a 400€ sull'ADSL.